Lecce,Padalino e Cosenza: due turni di squalifica a testa

Padalino, allenatore del Lecce. E' stato squalificato due giornate
Ottica Salomi

LECCE – (Tonio De Giorgi) Sabato prossimo per la sfida contro il Messina il tecnico giallorosso Padalino potrebbe essere costretto ad inventarsi la linea difensiva. Cosenza salterà le prossime due partite. Il giudice sportivo lo ha squalificato per due giornate. Una decisione quasi scontata dopo il fallo commesso dal centrale difensivo giallorosso ai danni di Strambelli. Il giudice sportivo ha squalificato per due turni anche il tecnico Padalino allontanato dall’arbitro allo scadere del primo tempo; l’allenatore giallorosso ha manifestato il proprio disappunto su un fallo commesso ai danni di Doumbia. In panchina andrà il vice Di Corcia all’opera già a Matera per tutto il secondo tempo. Veniamo alla situazione in difesa. L’espulsione diretta del calciatore giallorosso ha costretto la squadra a giocare in inferiorità numerica per quasi tutto il secondo tempo. Nonostante avesse in panchina Drudi il tecnico Padalino ha optato, però, per lo spostamento di Ciancio al centro della difesa perché Drudi non era al meglio della condizione. E la settimana che si è appena aperta non permette allo staff sanitario di sbilanciarsi circa le condizioni di Drudi, che ha effettuato un lavoro differenziato durante l’allenamento al Via del Mare. Anche Giosa non è al meglio: il difensore lucano è uscito malconcio dalla sfida contro il Matera accusando un trauma contusivo-distorsivo alla caviglia destra. Se ne saprà di più nei prossimi allenamenti, ma è chiaro che l’allenatore non rischierà inutilmente un calciatore che finora è stato quasi sempre titolare. Soprattutto ora che mancano tre giornate alla conclusione della stagione regolare e il Lecce è costretto a disputare i play off. Davanti a Perucchini, pertanto, sarà una linea difensiva tutta da inventare, ma già a Matera Padalino ha provato Ciancio in posizione centrale, un ruolo che non è nuovo al difensore giallorosso. Al suo fianco si spera di recuperare Drudi altrimenti l’allenatore giallorosso dovrebbe inventarsi qualcosa o ricorrere a Monaco, come disse qualche tempo fa a conclusione del calciomercato invernale rispondendo ad una domanda sul mancato arrivo di un altro difensore centrale. Sulla corsia di destra potrebbe invece impiegare Lepore come avvenuto a Matera mentre a sinistra confermerà Vitofrancesco. Salterà la sfida contro il Messina anche Fiordilino fermato per un turno dal giudice sportivo. Al suo posto Padalino inserirà Arrigoni, la mossa più naturale. Ai suoi lati potrebbe avere spazio dal primo minuto Maimone mentre è difficile rivedere Mancosu, il quale prosegue il suo lavoro di recupero dopo l’infortunio alla coscia destra. In attacco saranno monitorate le condizioni di Doumbia che a Matera ha giocato solo un tempo prima di lasciare il posto a Torromino. Il francese accusa un risentimento al medio gluteo; anche per lui potrebbe scattare un turno di riposo precauzionale evitando così complicazioni in vista dei play off che attendono la squadra leccese. Intanto è stato designato l’arbitro di domenica prossima: a dirigere Lecce-Messina sarà Mantelli della sezione di Brescia.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*