Presunta truffa a danno di una cliente, niente carcere per D’Agata

LECCE – Per l’Avvocato Francesco D’agata non si apriranno le porte del carcere. A stabilirlo è stata la Corte di Cassazione, annullando l’aggravamento della misura cautelare, dunque il ripristino del carcere. L’avvocato 38enne era stato arrestato lo scorso ottobre nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta truffa ordita nei confronti di una sua cliente, una donna senegalese. Ora il Riesame dovrà pronunciarsi con una nuova udienza secondo quanto disposto dai giudici della Suprema Corte. D’Agata resta dunque agli arresti domiciliari.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*