L’avvocato che ha ammazzato il cliente. Lite sarebbe scoppiata per un risarcimento

ORIA- La rabbia deve averlo accecato, perché ha scaricato addosso al suo “antagonista” un intero caricatore. Lo ha crivellato di colpi, al culmine di una lite, l’ennesima a quanto pare, con il suo cliente.

Mentre l’avvocato Francesco Calò, che esercita nel suo studio in via Latiano a Oria, è rinchiuso in carcere per omicidio volontario, i carabinieri sono al lavoro per ricostruire con esattezza quanto sia accaduto in quello studio legale giovedì pomeriggio e soprattutto per chiarire il movente.  L’avvocato ha ucciso il suo cliente Arnaldo Carluccio, 45enne di Torre Santa Susanna. Erano uno di fronte all’altro.

Dopo avergli sparato ripetutamente, Calò ha chiamato i suoi colleghi avvocati, ha chiesto di telefonare ai carabinieri, ha consegnato la pistola -una 9X21 regolarmente detenuta- e si è costituito.  Da quanto si apprende, pare che la violenta discussione riguardasse un risarcimento preteso dalla vittima. Un risarcimento legato ad un incidente stradale, una vicenda che stanno tentando di delineare alla perfezione gli investigatori.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*