Da ottobre voli Brindisi-Francoforte, Pagliaro: è una farsa

BARI-Con riferimento alla riduzione delle frequenze su Roma Fiumicino da Bari e Brindisi adottata da Ryanair con l’entrata in vigore della vigente programmazione estiva, Aeroporti di Puglia precisa che tale decisione era già stata assunta dal vettore sin dallo scorso 1° dicembre, a seguito dell’aumento dei diritti aeroportuali applicati da Aeroporti di Roma, nonché per gli indici di riempimento dei voli – poi cancellati – ritenuti non soddisfacenti da parte del vettore stesso.

Contestualmente Ryanair, su sollecitazione di Aeroporti di Puglia, ha compensato questa riduzione con la programmazione di nuovi voli internazionali, nella fattispecie, tutti attivi a partire da ottobre 2017: Bari – Madrid , Bari – Siviglia e, dall’aeroporto del Salento, il Brindisi – Francoforte.

Ma questo non basta a mettere a tacere le polemiche sorte per la cancellazione del Roma-Brindisi delle 20,20. “Siamo ben lieti di avere anche questo volo, lo chiediamo da dieci anni, e abbiamo accolto la notizia data ad ottobre con entusiasmo, non pensavamo però di subire un taglio così importante -dice Paolo Pagliaro dell’Ufficio di presidenza di Forza Italia, che ha lanciato la notizia della soppressione del volo per la capitale, chiedendo l’intervento della Regione- La cancellazione del volo Roma – Brindisi è un danno enorme per l’indotto del nostro turismo e per tutte le persone che ogni giorno usufruivano del servizio; nessuno pensi di poterci azzittire così.

La questione della cancellazione assume i contorni della farsa –continua- Non solo l’Assessore Regionale ai Trasporti non sapeva nulla, così ha detto, ma ora per accontentare il Salento, si inventano che in cambio, da ottobre, e quindi è ancora tutto da vedere, ci sarà una nuova tratta, Brindisi – Francoforte per tre volte a settimana. A questi signori qualcuno l’ha detto che nel Salento non abbiamo l’anello al naso? Ora che l’Assessore Giannini è al corrente della situazione si metta al lavoro e cerchi una soluzione. Anche se il taglio della compagnia irlandese è stato causato dall’incremento dei costi aeroportuali del 14% sugli scali romani, dobbiamo tener conto che con la Regione Puglia i rapporti non sono ottimali. Sono due mesi ormai che vanno avanti le beghe tra Ryanair ed Emiliano sulla questione dell’aumento del 50% della tassa municipale e questo potrebbe portare ad altri tagli  – spiega Pagliaro – A pagarne le conseguenze è sempre il Salento, perché mentre Bari sarà collegata alla capitale per due volte al giorno anziché tre come prima, quindi il disagio è facilmente superabile, il Roma-Brindisi sarà fruibile soltanto il lunedì. Bari può usufruire anche dell’Autostrada e del Frecciarossa, mentre il Salento diventa sempre più periferico. E questo non va bene. Il Salento merita rispetto“.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*