Microspie negli uffici comunali, è mistero

PORTO CESAREO- Un misterioso rinvenimento che ha sconcertato questa mattina il sindaco e gli impiegati del comune di Porto Cesareo. Durante delle operazioni di trasloco, nascoste sotto delle scrivanie e all’interno di alcuni armadietti, sono state trovate delle microspie. Si tratta di apparecchi per l’ascolto e la registrazione delle conversazioni con dei fili e delle antenne, collegate alla corrente elettrica.
Erano negli uffici del settore Lavori Pubblici e del settore Urbanistica, diretti rispettivamente da Tarcisio Basile e Paolo Stefanelli.

Sono stati subito allertati i carabinieri che sono arrivati sul posto ed hanno compiuto dei sopralluoghi. Le microspie sembrerebbero di fabbricazione rudimentale, ma questo naturalmente è tutto da accertare.

Intanto è partito un esposto in Procura. Il sindaco Salvatore Albano si è dichiarato sconcertato dall’accaduto. Naturalmente ora bisognerà capire chi abbia messo le microspie e chi abbia interesse ad ascoltare le conversazioni che avvengono negli uffici. Nelle prossime ora partiranno dei sopralluoghi più accurati per verificare se ce ne siano altre in altri luoghi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*