Presunte mazzette in Marina, giudizio immediato per 17 imputati

TARANTO- Presunte mazzette in Marina: disposto per il 5 maggio il giudizio immediato per 17 imputati, tra cui Giovanni Di Guardo, ex comandante della base di Maricommi di Taranto. Tra gli altri, anche tre ufficiali della Marina, un dipendente civile, nove imprenditori, un ispettore di polizia e un luogotenente dei carabinieri.
I dettagli dell’inchiesta sono stati illustrati in conferenza stampa dal procuratore di Taranto, Carlo Maria Capristo, e dal titolare dell’inchiesta, il sostituto procuratore Maurizio Carbone.

Secondo la Procura, gli imputati avevano creato un cartello di imprese tra loro collegate al fine di pilotare l’assegnazione a loro favore di più di 200 appalti, con l’estromissione delle altre ditte concorrenti. In questo modo si sarebbero assicurati profitti per un ammontare complessivo di 5 milioni e 460 mila euro.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*