Sarparea, il Comune di Nardò chiede alla Regione chiarimenti sul mancato censimento degli ulivi

Dopo la diffida del comitato “salviamo la Sarparea” dal procedere a qualsiasi atto di approvazione del Piano senza le verifiche sulla presunta incompatibilità del progetto che prevede la realizzazione di un resort nella zona, il comune di Nardò chiede alla regione chiarimenti sul mancato censimento degli ulivi

NARDO’- A dieci giorni dall’invio da parte del comitato “Salviamo la “Sarparea” al comune di Nardò e a tutti gli enti competenti di un documento ufficiale con osservazioni e richieste specifiche relative al piano di lottizzazione della Sarparea e alla richiesta di un incontro ufficiale con il sindaco per discuterne, l’ente di palazzo Personè ha inviato alla regione Puglia una formale richiesta di chiarimenti relativa alla presunta incompletezza del censimento degli ulivi monumentali segnalata dal comitato, che si oppone al progetto di realizzazione realizzazione di un resort nell’area, “in una zona di fondamentale importanza dal punto di vista ambientale e paesaggistico del Salento, dove oltre il 60% degli ulivi è monumentale” non ritenendo conclusa la valutazione ambientale strategica. Nella risposta ufficiale del comune si chiede alla regione di precisare espressamente se l’attività di aggiornamento degli elenchi relativa all’area in questione possa considerarsi completa ed esaustiva. “La decisione conclusiva della procedura VAS, nella quale il comune è autorità Procedente- si specifica,- sarà formulata tenendo conto di quanto comunicherà in merito la regione”