Rapina violenta a Francavilla, si aggrava la posizione per i due rapinatori

Secondo i carabinieri sono stati loro ad uccidere il complice. Nuovi guai per i due giovani arrestati per la rapina perpetrata, il 23 gennaio scorso, in via Settembrini di Francavilla Fontana, ai danni di un impiegato di una ditta locale

FRANCAVILLA-Ora dovranno rispondere anche dell’accusa di concorso in omicidio del loro complice, Roberto FANTASIA, 23enne,  e Pasquale GIANNOCCARO, 30enne, arrestati per la rapina perpetrata, il 23 gennaio scorso, in via Settembrini di Francavilla Fontana, ai danni di un impiegato di una ditta locale che opera nella gestione e nella vendita di videogiochi, slot–machines, flipper e altro.

La rapina aveva avuto un inaspettato epilogo con il rinvenimento di uno dei complici, Gaetano Fiorile, morto poco dopo essere stato trasportato all’ospedale in seguito a un colpo di fucile all’addome. Secondo gli investigatori sarebbero stati loro ad ucciderlo.

Quel giorno, armati di una doppietta con canna mozzata e a volto coperto da passamontagna, avevano speronato, con un’auto rubata,  la Peugeut 306 condotta dal dipendente della ditta, che stava andando in banca a depositare il denaro, portandogli via oltre 29 mila euro. Dopo la fuga a bordo di una Peugeot 308 rapinata ad una passante.

 I due, rintracciati e arrestati lo scorso 1 febbraio, ora  sono accusati anche dell’omicidio del loro complice Fiorino. Il colpo esploso, presumibilmente, con lo stesso fucile utilizzato per compiere la rapina aveva procurato all’uomo una vasta ferita toraco-addominale e uno shock emorragico, che presto hanno causato il suo decesso.

FANTASIA e  GIANNOCCARO sono attualmente reclusi nella casa circondariale di Bari.