Aggredita da un branco di cani, l’antitetanica irreperibile nel Salento. 200 km per farmaco salvavita

Una donna viene aggredita da un branco di cani randagi e, nel Salento, nessuno ha il farmaco per la profilassi antitetanica che va somministrato entro 24 ore. Lo ha reperito solo a Polignano a Mare. La denuncia del marito: "Tutto questo è assurdo".

TAVIANO- Vivere un’odissea con il cuore in gola per reperire un farmaco che va somministrato entro 24 ore, scoprire che nessuna farmacia nel Salento -o per lo meno a Lecce e provincia e a Brindisi- lo aveva, e arrivare a Polignano a Mare il più in fretta possibile. È quanto è capitato ad una famiglia di Taviano. Una donna è stata aggredita da un branco di cani nella marina di Mancaversa. Ha riportato varie lesioni ed escoriazioni ed il marito l’ha accompagnata immediatamente al pronto soccorso dell’ospedale Ferrari di Casarano. La donna è stata medicata ma le è stato consigliato di fare subito la profilassi antitetanica. Lì, però, il farmaco non lo avevano. Ed ecco come è iniziata la lunga disavventura che ci racconta il marito della malcapitata.

Se da un lato i signori stanno presentando una denuncia a carabinieri e vigili urbani per l’aggressione subita dai cani randagi, dall’altro gridano allo scandalo per quanto accaduto per il reperimento del farmaco salvavita.