Nuovo blocco 275, operai in strada: “Ci batteremo fino alla fine”

MAGLIE- “Anche questa domenica nuovamente qui a manifestare tutti insieme, oramai senza più un posto di lavoro e soprattutto un futuro lavorativo”. Così gli operai riuniti nel Comitato lavoratori pro SS 275 tornano, come ogni domenica da mesi, a manifestare. Bloccano parzialmente la statale Maglie-Leuca all’altezza di Scorrano, srotolano i loro striscioni e puntano il dito su chi, secondo loro, è colpevole del fermo dei lavori di raddoppio e ammodernamento della strada. Fermo che, per loro, si è tradotto nella perdita di un appalto e quindi del lavoro. Se la prendono con il ministri del Lavoro Poletti, con il presidente di Anas Gianni Vittorio Armani e con il ministro dei Trasporti Delrio.

“Nel silenzio di tutti, noi continuiamo a far rumore sperando che anche questa volta la sentenza di un Tar o di un Consiglio di Stato ci dia ragione -dicono gli operai- ma soprattutto che venga rispettata e che si metta la parola fine a questa assurda quanto inverosimile vicenda, visto che le tre precedenti sentenze sono state completamente ignorate. Fino ad allora noi continueremo nella nostra protesta fieri di esserci battuti tutti insieme fino alla fine”. E nuovamente rivolgono un appello ai politici locali, affinché “si adoperino a far rispettare il proprio territorio”.

E.Fio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*