28 famiglie senz’acqua, Aqp taglia i tubi tra le proteste

MATINO-  Come annunciato nelle scorse ore l’espianto del braccio dell’acquedotto è avvenuto. Molto più che un taglio dell’acqua per una palazzina Arca Sud di via Cattaneo a Matino, proprio per evitare eventuali allacci abusivi.

Il problema sempre lo stesso: la morosità da parte di alcuni condomini , a farne le spese sono tutti. Un credito quello vantato da acquedotto pugliese che arriva a decine di migliaia di euro. Una soluzione, quella proposta, la rateizzazione tra i condomini per somme che arrivano anche a 400 euro mensili, insostenibile per le 28 famiglie che da oggi sono senza l’acqua che arriva dai rubinetti.

Inutili le richieste all’amministrazione comunale e alle istituzioni nel corso di questi mesi. La soluzione non si è trovata e in mattinata i tecnici dell’acquedotto pugliese hanno rotto l’asfalto con i martelli pneumatici ed hanno tagliato il tubo, tra le proteste, civili, dei cittadini ormai rassegnai e sotto l’occhio dei carabinieri. Una protesta che si è spostata in comune che è stato ora occupato. Chiedono, alla luce della situazione, che almeno l’amministrazione sistemi dei bagni chimici.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*