Finti avvocati truffano anziano: arrestato giovane di Napoli

Sventata l'ennesima truffa ai danni di anziani: a Erchie i carabinieri hanno arrestato un giovane napoletano. Aveva appena raggirato un uomo, facendosi consegnare soldi e gioielli. Si cerca il complice.

ERCHIE- Stesso copione, finale diverso: un finto avvocato ha tentato di truffare un anziano, ma è stato arrestato dai carabinieri. È successo a Erchie, in provincia di Brindisi, dove un uomo di 78 anni ha ricevuto una telefonata. Dall’altra parte della cornetta un sedicente poliziotto che gli intimava  di pagare 6.000 Euro per liberare i figli dell’anziano, trattenuti presso gli uffici della Questura di Brindisi. Dopo pochi minuti, a casa della vittima si sono presentate due persone ben vestite che si sono qualificate come avvocati mandati dalla Polizia per riscuotere il denaro. L’anziano ha consegnato loro 2.000 Euro in contanti, due orologi e tre collane di oro. I due hanno arraffato il bottino e sono andati via piuttosto velocemente. I loro movimenti non sono sfuggiti a una pattuglia di carabinieri che passava da lì; i militari sono riusciti a bloccare uno dei due delinquenti, l’altro è riuscito a fuggire a bordo di un’auto.

L’arrestato, trovato in possesso dei valori in oro, riconsegnati poi alla vittima, è stato identificato in Giovanni TESONE, 23enne di Napoli, con vari precedenti per truffa. Indagini in corso per trovare il complice. Ancora una volta il Comando Provinciale dei Carabinieri di Brindisi, nel rinnovare le raccomandazioni più volte formulate per prevenire simili odiosi reati commessi nella totalità dei casi in pregiudizio di anziani indifesi e soli, invitano tutti i cittadini a segnalare tempestivamente la presenza di autovetture o persone sospette. La tempestività delle comunicazioni è fondamentale per garantire un intervento efficace.