Tap, la lettera del Ministero dell’ambiente: “potete spostare gli ulivi”

ROMA- Una lettera del ministero dell’Ambiente potrebbe sbloccare a breve la rimozione degli ulivi nell’area del cantiere Tap. La missiva, arrivata ieri, lascia alla Regione altri 10 dieci giorni per eventuali controdeduzioni ma sembrerebbe ormai indicare la possibilità di far partire il cantiere.

La lettera è indirizzata all’azienda e alla Regione, ma anche al Comune di Melendugno, all’Arpa, all’Ispra e al ministero dello Sviluppo economico. Secondo il neo-direttore generale Giuseppe Lo Presti non ci sarebbero «motivazioni ostative a che si proceda, in aderenza a quanto previsto dal piano esaminato dalla Regione– scrive- e sottoposto e valutato dagli organismi tecnici regionali».

A meno, specifica però Lo Presti, di «diverse valutazioni tecniche oggettivamente riscontrabili da parte della Regione Puglia in qualità di Ente Vigilante, da comunicare comunque entro dieci giorni continuativi». Non resta che attendere, dunque, la risposta della Regione.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*