Pagliaro: “Aboliamo Regioni, Province ed enti inutili: costituiamo 31 dipartimenti”

LECCE- “L’apparato amministrativo italiano con i suoi 16000 enti è il più caro d’Europa. Il bisogno impellente è un riordino territoriale che vada a cancellare tutti gli enti inutili, le provincie e le regioni e ridisegni i confini territoriali in dipartimenti, ne scaturirebbero un importante risparmio in termini economici e una semplificazione nell’erogazione di servizi”. Così Paolo Pagliaro, dell’Ufficio di Presidenza Nazionale Forza Italia.
“Oggi l’Italia -continua- è formata da 20 Regioni di cui 5 a statuto speciale, 110 Province, 10 (più altre 7 previste) città metropolitane. La vera riforma, che permetterebbe un taglio radicale della spesa, è quella studiata dalla Società Geografica Italiana che consentirebbe di ridisegnare confini e competenze per avere una nazione con 31 dipartimenti omogenei di dimensioni ottimali e virtuosi, efficienti, fuori dai privilegi e dagli sprechi, partendo da nuovi statuti e funzioni chiare, creati tenendo conto delle trasformazioni avvenute negli ultimi anni, cancellando, così, in modo definitivo le provincie, le regioni e tutti gli enti inutili (società partecipate, comunità montane, aree vaste, aro, ato, gal).  Aboliremmo così Regioni e Province -conclude- in modo reale e non fittizio, rifacendoci agli standard dei paesi occidentali più evoluti, conservando così soltanto tre livelli istituzionali snelli, portando avanti l’idea del federalismo liberale di Carlo Cattaneo”.

foto-cartina-italia-31-dipartimenti

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*