Crollo della palazzina: sei condanne e due assoluzioni

CASTRO- Dopo sette anni e mezzo da quel 31 gennaio 2009, arrivano sei condanne e due assoluzioni nel processo d’appello per il crollo di Piazza Dante che sfigurò il centro della marina salentina.

La richiesta di condanna era per otto persone.. Sette invece le condanne in primo grado. Confermata in linea di massima la sentenza di primo grado. E’ giunta l’assoluzione piena solo Per Antonio Fersini (condannato in primo grado) e Fernando Schifano ,(nel 2009 responsabile dell’ufficio tecnico comunale (assolto anche in secondo grado). Due anni per Martino Ciriolo, Marcello Baccaro e Maria Fedele, proprietari delle strutture coinvolte nel crollo. Condanna ad una nno e sei mesi per Angelo Rizzo, Luigi Fersini e Gabriele Fersini,

Le accuse, a vario titolo sono quelle di “colpa consistita in imprudenza, imperizia, negligenza e inosservanza di regole di sicurezza nell’esecuzione di lavori”. Per l’accusa, un ruolo fondamentale, lo ebbero nel crollo, alcuni lavori che furono eseguiti in alcuni esercizi commerciali della palazzina che crollò come un castello di sabbia

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*