Presa la banda dei bancomat, 4 brindisini operativi in tutta Italia

BRINDISI- Sono 4 brindisini, tutti con precedenti, i componenti della banda specializzata nelle spaccate ai bancomat. Ad arrivare a loro sono stati i Carabinieri della Compagnia di Osimo . In manette Cosimo IURLARO 41 anni, Omar BIANCO 27, Marco SANTORO 25, e Vincenzo SCHIENA di 39. 
Si chiama “Cashpoint” l’operazione  che ha fatto luce sulla serie continua di assalti a bancomat di filiali bancarie, uffici postali, casse continue di distributori di carburanti e gioiellerie della puglia, compresa la provincia di Lecce, ma anche delle Marche e dell’Emilia Romagna.

Le indagini sono state avviate dopo il furto del bancomat avvenuto il 2 gennaio 2016 a Polverigi in provincia di Ancona. Un colpo come tutti gli altri perché la tecnica usata era sempre la stessa: esplosione con il gas acetilene oppure sradicamento con un escavatore. Le indagini hanno permesso di scoprire che i furti venivano perpetrati da un “commando” ben organizzato ed eterogeneo, i cui esponenti venivano reclutati all’occorrenza.

Tutto era organizzato nei dettagli:la banda preparava a tavolino i colpi, gli obiettivi, le vie di fuga, le caratteristiche culturali e morfologiche del territorio, il tutto poi supportato da sopralluoghi e da una base operativa che veniva utilizzata come “covo”, quasi sempre risultata un’abitazione affittata in nero nel comune di Porto Sant’Elpidio (FM).

A Calimera proprio nei giorni scorsi un colpo simile, ma in provincia di Lecce e Brindisi se ne contano a decine e la banda potrebbe essere proprio questa, anche se le indagini sono ancora in corso. L’auto usata per coprirsi la fuga dopo gli assalti spesso era una potentissima Audi RS6 nera che è stata trovata nascosta nel garage. La perquisizione nel covo ha permesso di trovare bombole con ossigeno e acetilene, attrezzature da scasso, mefisti, guanti, giubbetto antiproiettile, fotocopie di documenti di terze persone per nascondere le generalità, chiodi a tre punte . L’Audi aveva l’abitacolo blindato con lamiere in acciaio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*