Vertenza Ex Bat: tavolo istituzionale al Mise

LECCE- La vertenza dei lavoratori ex Bat, è approdata a Roma. All’ennesimo tavolo istituzionale convocato dal Mise, il Ministero dello Sviluppo Economico, si è discusso del futuro dei tanti lavoratori che dopo la chiusura dell’ex manifattura Tabacchi sono in gran parte disoccupati. Una vicenda che sembra, dopo anni, non trovare una soluzione e per la quale l’assessore alle politiche del lavoro del Comune di Lecce, presente al tavolo, ha proposto, per salvare i lavoratori, di verificare la possibilità di offrire alle aziende che parteciperanno al Piano Nazionale Industria 4.0, presentato nei giorni scorsi dal ministro Calenda e dal premier Renzi, incentivi significativi per investire in territori di aree di crisi, recuperando i lavoratori che da anni sono costretti a fare i conti con la spada di Damocle degli ammortizzatori sociali, vittime di una riconversione fallita da tempo.

Un problema occupazionale che con il passare del tempo, desta sempre più preoccupazione perché si avvicina la scadenza degli ammortizzatori sociali. E’ necessario sin da ora un cambio di passo, immediato a concreto, dice Delli Noci che ha proposto al viceministro per lo Sviluppo Economico, Teresa Bellanova – presente al tavolo in rappresentanza del Governo – di verificare la possibilità della soluzione Piano Nazionale Industria 4.0.

Il viceministro ha preso l’impegno di verificare la fattibilità di questo percorso.Non è più il momento di tergiversare- dice Delli Noci- né di continuare ad andare alla ricerca di nuovi potenziali investitori attraverso un’attività di audit che non ha dato alcun risultato effettivo. Piuttosto, occorre concentrarci solo ed esclusivamente sull’immediato reinserimento dei lavoratori prima che sia troppo tardi”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*