Incubo su una spiaggia di Rimini: ragazza leccese vittima di tentato stupro. Arrestato 20enne tunisino

RIMINI/LECCE- Si è avvicinato con una scusa mentre lei era nei pressi della spiaggia e l’ha aggredita, tentando di violentarla. Lei è riuscita a divincolarsi e a scappare. Lui le ha strappato e rubato la borsetta.
Notte da incubo per una ragazza leccese 18enne che vive a Rimini. Il presunto aggressore, qualche ora più tardi, è stato fermato dalla Polizia. Si tratta di un 20enne tunisino, in Italia irregolarmente. È successo all’una della notte tra giovedì e venerdì, a Rimini, all’altezza del Bagno 91. la 18enne stava rientrando a casa dopo un concerto che si era tenuto nel centro storico, in piazza Cavour. Aveva preso l’autobus ed era appena scesa alla sua fermata per proseguire a piedi, quando è stata assalita dall’aggressore, che ha tentato di strapparle i vestiti di dosso. Lei si è ribellata e lo ha anche ferito al ginocchio, costringendolo alla fuga.

La ragazza, sotto choc, ha immediatamente chiamato la Polizia e descritto l’uomo agli agenti, che lo hanno individuato e rintracciato a stretto giro nei pressi della Colonia Murri, sottoponendolo a fermo per tentata violenza sessuale e rapina. A confermare i sospetti, una evidente ferita al ginocchio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*