Lecce 2017, il Pd per evitare le primarie. Nel cd spunta il nome di Lisi e Congedo lancia la sua candidatura su Facebook?

LECCE- Se l’ex partito di Vendola, sinistra ecologia e libertà, non sarà in corsa con il centro sinistra non è detto che possa avallare la Blasi in caso di candidatura solitaria anche fuori dal suo partito. Si, il problema in primis del partito democratico è disinnescare la scelta dell’ex sindaco di Melpignano pronto a partecipare alle primarie per decidere il candidato del centro sinistra pur avendo questo affermato che sarà comunque della partita per Lecce.

La candidatura dell’ex segretario regionale nasce dopo che il Pd tenta la carta Dario Stefano che, non sciogliendo la sua riserva, di fatto genera l’auto investitura di Blasi ancora l’unica sul tavolo. Un tavolo che cerca buoni competitor ma da molti riceve il: grazie no! Lo statuto del Pd creerebbe le condizioni per evitare le primarie e questo sarebbe un primo passo per ostacolare il percorso del consigliere regionale.

Se il 75 % del partito e della coalizione di centro sinistra dovesse trovare l’unità intorno ad un nome, le primarie svanirebbero. Questo il primo impegno della coalizione che da venti anni non riesce a conquistare la poltrona della città capoluogo. Nel centro destra situazione non meno complicata visto le divisioni di forza Italia e dei conservatori e riformisti . Se tra gli azzurri la metà del partito teme un accordo sottobanco tra alcuni loro esponenti ed una parte dei fittiani che guarderebbe con simpatia a Marti, dall’altra la sintesi non è chiara per la presenza di almeno quattro conservatori ancora certi di poter esser in corsa. Dopo una prima riunione del centrodestra si attende un secondo incontro essendoci stata , nel primo appuntamento, una esclusione di movimenti, personalità e liste civiche che non hanno apprezzato la scelta.

Nel dibattito interno all’ex Pdl unito però la dichiarazione del sindaco uscente che , lanciando le ipotesi Marti e Congedo , di fatto ha indebolito ed amareggiato due suoi uomini della giunta comunale pronti alla corsa: il suo vice Gaetano Messuti ed il suo braccio del bilancio di Palazzo Carafa, Attilio Monosi. A far discutere sulle reali intenzioni del consigliere regionale Saverio Congedo la nascita in queste ore di un gruppo Facebook denominato #difendiamoli con un’immagine di copertina rappresentata da Ulivi salentini e con i primi post sulla situazione occupazionale dei giovani in Puglia e nel Salento.

DIFENDIAMOLI

Per molti un primo passo di comunicazione per consolidare la volontà di esser candidato sindaco del centro destra. Tra la non poca confusione qualcuno ipotizza anche un nome terzo rispetto alle ultime tensioni interne facendo l’identikit dell’ex parlamentare Ugo Lisi da qualche anno fuori dalla vita politica. Il tavolo dell’attuale maggioranza di Palazzo Carafa dovrà così non solo disinnescare la rivalità interna dei fittiani ma anche fissare i criteri su come individuare un nome unico senza passare dalle primarie ma aggregando su nomi nuovi e vincenti per non rischiare minestre riscaldate e poco persuasive. Alle difficoltà delle due maggiori coalizioni non ultime le frizioni interne nel movimento 5 stelle che cerca una sintesi su alcuni nomi senza escludere quello di un magistrato dopo il no grazie della rappresentante della comunicazione negli anni dell’avvento del partito di Grillo più propensa di attendere la data delle elezioni politiche.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*