Aggressione ai patrimoni mafiosi, la Dia confisca beni per 150mila euro a detenuto

MANDURIA- Auto, fabbricati e conti correnti: la Direzione Investigativa Antimafia di Lecce ha eseguito un decreto di sequestro e contestuale confisca di beni formulato dalla II Sezione Penale del Tribunale di Taranto, nei confronti del 45enne Pietro TONDO, attualmente detenuto, residente a Manduria, in provincia di Taranto.

Il provvedimento, emesso dall’Autorità Giudiziaria su proposta del Direttore della D.I.A., ha interessato un patrimonio stimato in 150.000,00 euro e in particolare:

3 fabbricati;
3 terreni, tutti ricadenti nel comune di Manduria;
1 autovettura;
5 saldi attivi di rapporti bancari e postali.

Complesso immobiliare

TONDO è già stato sottoposto dal Tribunale di Taranto alla misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale. Ha sulle spalle condanne per associazione di stampo mafioso, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, associazione per delinquere finalizzate al contrabbando di sigarette, furto, detenzione illegale di armi e munizioni.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*