Roberta risucchiata nel nulla, 17 anni di mistero

TORRE SAN GIOVANNI- Sabato prossimo, 20 agosto, saranno trascorsi 17 anni dalla scomparsa, nel 1999, della 28enne Roberta Martucci, di Torre San Giovanni (Lecce). Lo ricorda l’associazione Penelope Italia.”La famiglia – è scritto in una nota – è chiusa in un silenzio carico di dolore e di angoscia.

Un caso di scomparsa archiviato, come tanti, come quello del bimbo Mauro Romano, di sei anni, scomparso da Racale (Lecce) il 21 giugno del 1977. Due casi di scomparsa a distanza di pochi chilometri. La Procura della Repubblica di Lecce è sembrata impotente a tal punto da chiudere definitivamente i due fascicoli”.

Secondo l’associazione “dalle indagini appare chiaro che non si può trattare di un allontanamento volontario. Qualcuno/a ha fatto del male a Roberta, la sua era una vita normale con progetti per il futuro”.

L’avv. Antonio Maria La Scala, presidente nazionale di Penelope Italia, chiede di “istituire presso le Questure dei nuclei specializzati che si occupino proprio di cold cases (delitti irrisolti,ndr)”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*