Caso Scazzi, la sentenza non è depositata e Sabrina potrebbe tornare libera. Camere penali: “Assurdo”

AVETRANA- Sabrina Misseri, accusata dell’omicidio della cugina Sarah Scazzi, potrebbe tornare libera perché  la Corte d’ Assise di Appello della Sezione di Taranto, a distanza di piu’ di un anno  dalla conferma della condanna di ergastolo delle due imputate principali, non ha ancora provveduto a depositare le motivazioni della sentenza.

Episodi come questofanno sapere il Presidente e il Segretario dell’Unione delle Camere Penali-  dimostrano che i ritardi e i tempi irragionevoli dei processi  dipendono  dall’ organizzazione degli uffici e dall’ inefficienza della giurisdizione.  Lo stato detentivo delle imputate avrebbe dovuto essere una  ragione sufficiente per rispettare i termini imposti dalla legge e per consentire ai difensori, ancora una volta in tempi ragionevoli, di individuare il giudice di legittimità”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*