Incendio nel residence: arrestato il figlio della proprietaria. Ha agito per dissidi familiari

GALLIPOLI- Ieri pomeriggio l’incendio, in arda serata le manette. A finire nei guai Angelo Aprile, 25anni. Il giovane è ritenuto responsabile del rogo appiccato  in via Catania, ai danni di un abitazione all’interno di una palazzina “Residence Lo Scoglio”.

Si tratta della casa, in affitto, che Aprile aveva ottenuto dalla propria madre, una donna del posto, qualche mese fa. All’origine del gesto doloso, proprio dei vecchi dissidi con la donna, di natura familiare. Stando alla ricostruzione effettuata dai militari dell’Arma anche grazie alle videocamere dell’Area di servizio ESSO di Via Lecce, il 25enne si è recato nel primo pomeriggio in quel distributore della zona. Ha riempito una bottiglia col liquido infiammabile tipo benzina e si è precipitato in casa. Dopo aver imbevuto uno straccio, ha appiccato fuoco con un accendino.

Il rogo è scoppiato in poco tempo viste le piccole dimensioni dell’appartamento. Poi è fuggito a bordo della sua autovettura, lasciando l’abitazione avvolta dalle fiamme ed urtando contro della altre auto parcheggiate sulla via. Le fiamme hanno persino avvolto una bombola di Gpl, fortunatamente non esplosa, rischiando di provocare conseguenze ben più gravi.

Grazie ad alcune testimonianze che hanno permesso agli investigatori di attribuire nell’immediatezza la responsabilità del folle gesto al giovane incensurato, alla collaborazione della madre del ragazzo che via sms non ha mai perso il contatto con lo stesso e ai sistemi di videosorveglianza, è stato rintracciato in località lido conchiglie e accompagnato in caserma.

Al termine delle formalità di rito, e sentito il pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, dott. Giovanni Gagliotta Aprile è stato accompagnato nella notte al carcere di Lecce.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*