Blasi accusa la segreteria Pd: “Assemblea volutamente senza di me”. Piconese la rinvia: “Non è in buona fede”

LECCE- E’ stata rinviata a lunedì 8 agosto La direzione provinciale e cittadina del PD chiamata a discutere delle amministrative del 2017. E la decisione presa dal segretario provinciale Salvatore Piconese alla luce delle accuse lanciate dal consigliere regionale Sergio Blasi.

“Mi invitano alla direzione provinciale del Pd il primo agosto per discutere delle amministrative 2017, scrive Blasi, Ma lo stesso giorno è in discussione in Consiglio regionale la nuova legge sulla Agenzia che dovrà governare il nuovo ciclo dei rifiuti in Puglia. Abbiate pazienza, ma credo che su questo tema il mio lavoro istituzionale sia importante. L’obiettivo, anche quello: bloccare la mia candidatura a favore di un candidato unico espressione della coalizione. La coalizione al momento è composta ufficialmente da Pd e Puglia in più, il movimento di Dario Stefàno. L’Udc leccese, ieri, ha fatto sapere di non considerarsi in coalizione con il centrosinistra, volendo interloquire ugualmente con il centrodestra.

Quello che è certo è che domani non potrò esserci. Spero si abbia almeno la cortesia di provare a farmi fuori dai giochi in mia presenza.

“Abbiamo rinviato l’assemblea- dice Piconese – e Ciò dimostra che, nonostante la sequela di falsità e di dichiarazioni poco corrette circa il lavoro svolto dalla Segreteria provinciale, da parte nostra c’è la buona volontà di avviare un dialogo fattivo in vista delle Amministrative del 2017 a Lecce. In tal senso l’apporto del consigliere Blasi è, in questa fase, fondamentale. E noi tutti siamo ansiosi di sentire, finalmente nelle sedi deputate, le sue di sicuro solide argomentazioni riguardo l’opportunità della sua autocandidatura. Per corretta informazione, conclude Piconese, la direzione è stata convocata il 19 luglio, mentre la convocazione del consiglio regionale è avvenuta il 26. ciò dimostra che il consigliere Blasi non è in buona fede”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*