Anche la Commissione Controllo dice No al photored sulla Lecce-Villa Convento: “Crea più insicurezza”

LECCE- “L’installazione di un apparecchio photored sulla provinciale Lecce-Villa Convento è davvero una pessima iniziativa che crea problemi invece di risolverli ed accresce l’insicurezza della strada perché è davvero inconcepibile un limite di velocità di 40 Km, che sembra più una vera e propria trappola mangiasoldi per automobilisti incolpevoli che una misura di prevenzione”. Anche il presidente della Commissione Controllo di Palazzo Carafa interviene sulla vicenda della pericolosità di un limite così restrittivo sulla provinciale. “Auspichiamo che la pausa di riflessione di Gabellone (che tr bnews gha contattato- porti a revocare tale misura. Ed effettivamente la vera priorità non è il photored , ma come segnalato dal Comitato per Villa Convento il problema è rappresentato dall’urgenza di intervenire su viale Pavarotti, la principale strada di attraversamento del piccolo centro abitato che sinora sottovalutato rappresenta un pericolo molto serio per gli abitanti del posto perché le auto sfrecciano a velocità pazzesca a tutte le ore del giorno e delĺa notte, con rischi enormi per l’incolumità e la sicurezza della popolazione.

Proprio nelle scorse settimane su sollecitazione dei cittadini di Villa Convento organizzati in un apposito comitato in commissione controllo si è esaminato il problema ed è stato assunto l’impegno del settore traffico di realizzare primi interventi urgenti quali i dossi di attraversamento nelle vicinanze degli stop su viale Pavarotti e sono state al contempo passate in rassegna varie ipotesi di controllo elettronico della velocità quali possibili soluzioni del problema.

Credo che sarebbe opportuno a questo punto che Provincia e Comune dialogassero al fine di concentrare gli sforzi sulla effettiva priorità di via Pavarotti, dove potrebbero essere ricercare soluzioni per la riduzione ed il controllo della velocità, magari spostando il photored proprio su quella arteria stradale”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*