Con la moto investe e uccide un uomo: giovane arrestato per omicidio stradale. Positivo alle droghe

PORTO CESAREO- Un uomo attraversa la strada per andare a gettare i rifiuti nei cassonetti. Un’auto si ferma per farlo passare ma, da dietro alla vettura, sopraggiunge una moto che la sorpassa e travolge il pedone, che morirà qualche ora dopo.
È la drammatica sequenza dell’investimento avvenuto sulla Porto Cesareo-Torre Lapillo, strada non nuova alle tragedie dell’asfalto. La vittima è Venerio Caione, 62 anni, nato ad Arnesano e residente a Monteroni. Era nella sua casa al mare quando, intorno alle 19,00, ha spinto una carriola piena di rifiuti, attraversando la provinciale per raggiungere i bidoni dell’immondizia sull’altro lato della carreggiata. Alle 19,00 c’è ancora il sole, la visibilità è buona, e l’auto che sopraggiungeva ha arrestato la corsa per consentire al pedone di passare. Non ha fatto lo stesso, secondo i rilievi effettuati dai carabinieri, la moto Suzuki 600 che seguiva l’auto. In sella, alla guida, c’era Andrea Scartigna, 34 anni, di Porto Cesareo.

FOTO ARRESTO OMICIDIO STRADALE
Andrea Scatigna

Ha preso in pieno il 62enne. Immediatamente l’automobilista ha chiamato i soccorsi e sul posto sono arrivate due ambulanze. Il pedone e il motociclista feriti sono stati portati nell’ospedale Vito Fazzi di Lecce dove, quattro ore dopo, Caione è spirato. Troppo gravi i traumi riportati a tutto il corpo. Il 34enne ha riportato vari lesioni, la più grave la rottura del naso. Guarità in 20 giorni. In ospedale, i carabinieri della Compagnia di Campi salentina hanno proceduto a far effettuare le analisi del sangue: il motociclista è risultato positivo a cannabinoidi, oppiacei e cocaina. Una volta dimesso, su disposizione del PM Massimiliano Carducci, è stato arrestato per omicidio stradale.

È invece ricoverato in prognosi riservata  nel Reparto di Ortopedia del Fazzi un 42enne investito sulla Squinzano Casalabate. Il malcapitato rischia di perdere un piede. La dinamica del sinistro è al vaglio dei militari di Squinzano.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*