Tentato omicidio Nardò, arrestato un quarto uomo

NARDO’- Tratto in arresto un quarto uomo, ritenuto coinvolto  nella sparatoria dello scorso maggio a Nardò quando in corso Galliano, venne ferito il 27enne Gianni Calignano, trasportato d’urgenza in ospedale con una pallottola  in pieno petto. Si tratta di  Rocco FALSAPERLA , 43 anni originario di Gela già noto.

Per il tentato omicidio, i carabinieri avevano già arrestato lo scorso 22 maggio a Nardò, Francesco Russo, 64 anni, e il figlio Giampiero di 27. A Novara invece era finito in manette il presunto complice Angelo Caci. Nella tarda serata di ieri è giunto il quarto arresto a Genova. A FALSAPERLA è contestato il reato di tentata estorsione aggravata

All’origine dell’agguato di maggio, un regolamento di conti. Un piccolo imprenditore di Nardò era vittima di estorsione. A lui i Russo, e gli altri due  avevano chiesto 500 euro. E questo, che non aveva intenzione di pagare, aveva chiesto aiuto proprio a Calignano. Ma il suo interessamento, evidentemente non è piaciuto.

Nel frattempo le indagini continuano.  Gli investigatori hanno eseguito una serie di perquisizioni anche a Nardò e Lecce, e sottoposto a sequestro alcuni oggetti di rilevante valore probatorio che potrebbero determinare – a breve – nuovi ed importanti sviluppi investigativi, specie riguardo all’accertato rapporto fra gli indagati salentini e quelli siciliani.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*