Gabriele riavrà la sua auto, la famiglia: “Ci sentiamo doppiamente fortunati”

UGENTO-  Gabriele avrà di nuovo la sua auto per potersi muovere. L’auto donato da Cuoreamico alla famiglia Giannotta di Ugento e andata bruciata nei giorni scorsi sarà infatti presto sostituita da un’altra, come annunciato dal presidente della onlus Paolo Pagliaro. Ai nostri microfoni, i genitori raccontano con commozione quella notte e si emozionano alla notizia dell’arrivo della nuova auto.

Le fiamme che hanno distrutto, nei giorni scorsi, l’auto attrezzata donata da Cuore Amico alla famiglia Giannotta di Ugento, utile per gli spostamenti del figlio 14enne, costretto in carrozzina, non hanno spento la speranza di Gabriele che presto, grazie ad un nuovo straordinario gesto di solidarietà della Onlus salentina che come sempre tende una mano a chi è in difficoltà e non volge lo sguardo alla sofferenza, potrà di nuovo uscire.

I genitori del piccolo Gabriele, 15 anni a giugno, raccontano cos’è successo quella notte in cui l’auto attrezzata di “Cuore amico” è andata in fiamme. Un boato pazzesco e poi a seguire subito un altro, la corsa verso la finestra della cucina che affaccia sulla strada e l’amara scoperta: l’auto avvolta dalle fiamme, completamente distrutta. Le speranze di poter permettere a Gabriele una vita un po’ meno difficile, poter farlo uscire, accompagnarlo a scuola, alle sedute di fisioterapia e altro: tutto svanito.

Ma ora, tra gioia e commozione alla notizia del Presidente Pagliaro che “Cuoreamico” donerà un’altra auto alla famiglia Giannotta, gli occhi tornano ad illuminarsi e diventano lucidi per la commozione e la speranza della famiglia Giannotta si riaccende. “Il messaggio dell’associazione è sempre stato uno – aveva dichiarato nelle scorse ore Pagliaro- sostegno a chi ha qualche difficoltà in più nel percorrere la vita. Ed è per onorare questa promessa con la nostra comunità che siamo felici di annunciare, nonostante altre famiglie abbiano fatto richiesta e siano in attesa, l’acquisto di una nuova autovettura per i nostri amici che hanno subito questo atto di incredibile cattiveria e viltà. Nell’augurio che possa trasportare il loro figlio nei luoghi di interesse, ma anche verso un futuro radioso”.

“Ancora non ci sembra vero – dicono i genitori di Gabriele che il nostro bambino potrà ritornare a fare quello che faceva prima, ci sembra un sogno. Grazie, grazie di cuore al presidente Pagliaro, a Cuoreamico e a tutti coloro che ci hanno dimostrato solidarietà in questo difficile momento”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*