Soccorso migranti della nave Blue Sky M.: medaglia a tre militari salentini

GALLIPOLI-  Mille migranti tratti in salvo, in mare aperto, grazie a due brillanti operazioni. presso la Direzione Marittima di Bari la cerimonia di consegna delle medaglie d’argento al Valor di Marina a tre militari salentini. La consegna delle prestigiose decorazioni è avvenuta alla presenza del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto Ammiraglio Vincenzo Melone e del Direttore Marittimo Puglia e Basilicata Jonica Ammiraglio Ispettore Domenico De Michele.
I tre militari della Guardia Costiera, il Luogotenente Marco Ancora di Soleto, il Capo di Prima Classe Sergio Antonio Solidoro di Ruffano ed il Sottocapo di Prima Classe Antonio Mariano di Borgagne, nella notte del 30 Dicembre 2014 sono stati trasportati in condizioni meteomarine proibitive, con l’elicottero della Marina Militare per prenderne il Comando, sulla Motonave “BLUE SKY M.”, con a bordo 796 migranti, diretta verso le coste salentine senza equipaggio e con le macchine e gli organi di governo bloccati. Giunti a bordo i militari hanno provveduto, non senza difficoltà, a sbloccare gli organi di manovra e di propulsione della nave rendendola, seppur parzialmente, governabile consentendo l’ingresso e l’ormeggio nel porto di Gallipoli. Questa coraggiosa ed abile manovra ha consentito di scongiurare un possibile disastro umanitario ed ambientale. Gli stessi militari, dopo appena 24 ore, furono reimpiegati con le a bordo della Motonave “Ezadeen”, sulla quale viaggiavano 400 migranti, rimasta senza combustibile in balia di vento e corrente nel mar Ionio ad oltre 100 miglia nautiche dal Capo di Santa Maria di Leuca.

Le operazioni di soccorso degli oltre 1000 migranti da parte dei tre militari della Guardia Costiera sono state anche oggetto di encomiabili parole di Papa Francesco in occasione di un’udienza privata dei tre militari in presenza del Sig. Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*