Gasolio di contrabbando, sequestro da 14 milioni: coinvolti anche tre salentini

TRANI –Ci sono anche 3 salentini tra le 27 persone arrestate al temine di un’ indagine su contrabbando di petrolio condotta dalla Guardia di Finanza di Trani. Farebbero parte, anche loro, di un’associazione a delinquere transnazionale e sono accusati anche di frode in commercio e truffa ai danni dello Stato. I tre, sono Geronimo Suma, 41 anni, di Ceglie Messapica, e Guido Marra, 51 anni di Galatone, per il terzo, un 48enne di Copertino, obbligo di dimora.
Avrebbero introdotto dalla Polonia nel territorio nazionale italiano circa 13 milioni di litri di “olio lubrificante” rivenduto come “gasolio per autotrazione”.  

Tra gli arrestati e gli indagati ci sono sia italiani che stranieri, che a vario titolo, tra settembre 2014 e novembre 2015, avrebbero introdotto dalla Polonia nel territorio nazionale italiano circa 13 milioni di litri di “olio lubrificante” rivenduto come “gasolio per autotrazione”. La sede operativa dell’organizzazione  è stata individuata fra Bari e Brindisi, la regia a Caserta. L’ammontare dell’evasione è di otto milioni di euro e sono 19 in tutto gli arrestati e 74 gli indagati tra Puglia e Campania.

Le indagini della procura di Trani hanno accertato che gli acquirenti erano ignari di comprare un prodotto diverso dal gasolio, ma lo avrebbero fatto spinti dal prezzo vantaggioso.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*