Furto a scuola: rubato il salvadanaio della raccolta fondi per aiutare Giorgia

ARNESANO- Ladri in azione ad Arnesano. Nel mirino la scuola elementare del rione Riesci di Arnesano, da dove è stato portato via il salvadanaio, con il ricavato da destinare alla piccola Giorgia, la bimba leccese affetta dalla rarissima sindrome di Berdon, al momento negli Usa in attesa di essere sottoposta a un trapianto multiorgano. A denunciare l’accaduto sono stati i componenti dell’associazione Apprendisti Cittadini.

“Li dentro -affermano- c’erano circa 500/600 euro, frutto di laboratori ideati promossi dalla nostra associazione e frutto di offerte private donate dagli stessi insegnanti”. L’idea di aiutare la piccola affetta da una rara sindrome, ha avuto inizio con la manifestazione “Ci vuole un Fiore”, una grande festa di solidarietà promossa dall’Associazione 2HE e dai volontari di IoPosso! Un evento fatto d’amore, di laboratori e di una raccolta fondi destinata al progetto “Aiutiamo Giorgia”.

Quattro i salvadanai destinati a questa missione, che successivamente sono stati suddivisi nelle sedi dell’Istituto Comprensivo Vittorio Bodini di Monteroni e Arnesano . Di questi, il più capiente, era proprio quello che si trovava nell’atrio della scuola elementare del rione Riesci. Un salvadanaio che fino a venerdì pomeriggio era lì, poi il nulla. Qualcuno è entrato e l’ha portato via.

“Siamo sconvolti e scioccati. E’ assurdo approfittare di una simile situazione. Fino a quando non si capirà che ci sono dei limiti -scrive l’associazione sulla sua pagina Facebook-che non vanno mai superati, che non si può approfittare della debolezza, della sofferenza e delle richieste di aiuto di chi ci sta accanto, la strada da fare sarà ancora lunga”.

foto 1 furto salvadanaio

C’è rabbia e dolore e la voglia di domandarsi il perchè arrivare a tanto. Nel frattempo è stata sporta denuncia ai carabinieri, che hanno avviato le indagini per risalire al o ai responsabili.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*