Domenica No Triv: da Leuca al Nord Salento tutti per il sì

LECCE- Sarà il giorno della mobilitazione di massa, la domenica del no alle trivelle che si trasforma nel sì al referendum del 17 aprile. Il Salento si mobilita in lungo e in largo, da Leuca a Lecce e spinge sull’acceleratore del consenso.
Ci saranno le manifestazioni di associazioni e semplici cittadini, quelle organizzate dai partiti e movimenti politici. Un tam tam per risvegliare tutti: manca solo una settimana all’appuntamento con le urne. Il quesito referendario è chiaro: chiede di abrogare la legge in base alla quale alle piattaforme entro le 12 miglia dalla costa si concede in automatico la proroga della concessione ad estrarre petrolio e gas, fino all’esaurimento del giacimento. Un nodo tecnico. Ma l’impressione diffusa è che si abbia a che fare con qualcosa di molto più grande e che la croce sulla scheda serva a segnare la rotta delle politiche energetiche italiane.

Ecco perché la mobilitazione di tanti per raggiungere il quorum. A Porto Cesareo, in mattinata, è previsto un flash mob sulla spiaggia del primo ponte. È organizzato dalla rete locale di associazioni ambientaliste: una coreografia vera e propria, per simulare il disastro del Golfo del Messico. Sarà la base dello spot nazionale di Legambiente che sarà girato, dunque, proprio nel Salento.

A Leuca, invece, sul lungomare, a partire dalle 18, gli studenti del Sud Salento, assieme al Comitato No Triv Capo di Leuca, organizzano “BattiQuorum – Musica e Parole contro le Trivelle”, con tanta musica, compresa quella del cantautore Mino De Santis, e interventi.

In queste ore, l’Unione degli studenti promuove ovunque il Sì con i suoi banchetti. A Bari, al concertone No Triv, parteciperà anche l’Orchestra della Notte della Taranta. Nel capoluogo pugliese arriverà un pullman organizzato dal Pd leccese, finanziato dal consigliere regionale Ernesto Abaterusso. Poi, giovedì, incontro informativo dei democratici a Taviano. Si danno da fare, dunque, anche i partiti.

Forza Italia si mobilita in tutta la Puglia, con una presenza capillare di gazebo, bandiere, striscioni e un intero esercito a sostenere le ragioni del Sì. In provincia di Lecce, sono oltre 60 i comuni in cui si svolgerà il No triv day: le due postazioni principali saranno a Lecce, in piazza S. Oronzo e in piazza Mazzini. Inoltre, alle 11 si partirà da Copertino con lo striscione “Viaggia con me”, per raggiungere Lecce. Alle 15 si partirà alla volta di Torre Mozza, marina di Ugento. Fratelli d’Italia An riprende una battaglia  iniziata già dal 2014, con volantinaggio e gazebo, a Leuca, luogo simbolico di incontro dei nostri mari, e lungo via Trinchese e Piazza Sant.Oronzo a Lecce.

Il M5s si dà appuntamento nella mattinata a Copertino, in Piazza Umberto I, con il senatore Maurizio Buccarella, il deputato Diego De Lorenzis e i consiglieri regionali Cristian Casili e Antonio Trevisi: un’agorà pubblica per confrontarsi e alimentare i sì domenica prossima.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*