Il Matera espugna il Via del Mare. Domenica amara per il Lecce

Ottica Salomi

LECCE (di M.Cassone) – Si alza il sipario del Teatro calcistico del Salento, il Via del Mare, per la 29^ Giornata del Girone C di Lega pro. Lecce e Matera di fronte ad una cornice di pubblico importante (12646 spettatori) danno vita ad una gara molto combattuta che alla fine vede vincitori i lucani per 2-1 che espugnano il Via del Mare ed interrompono a 18 la serie dei risultati utili dei giallorossi.

Mister Padalino che ritrova dopo la squalifica Di Lorenzo e Rolando manda in campo col 4-5-1 Bifulco; Di Lorenzo, Ingrosso, Piccinni, Tomi; Rolando, Iannini, De Rose, Armellino, Carretta; Infantino

Braglia costretto a rinunciare ad Abruzzese e Cosenza, entrambi appiedati dal giudice sportivo, pensa a Camisa e Freddi ma il romano sente un dolore nel riscaldamento prima della gara e al suo posto entra Liviero: Perucchini; Alcibiade, Camisa, Legittimo, Liviero; Lepore, Papini, Salvi; Surraco, Moscardelli, Doumbia.

Si scende in campo in campo con lo striscione di ANT, associazione onlus attiva sul territorio.

Primo dell’inizio della gara le squadre osservano un minuto di silenzio in memoria di Cesare Maldini deceduto questa mattina.

Nel primo tempo parte bene il Lecce che potrebbe passare in vantaggio in più occasioni nella prima mezz’ora; sulle conclusioni di con Papini e Surraco, il portiere ospite compie due veri miracoli. Il Matera poi rialza la testa e si riversa nella metà campo avversaria trovando il vantaggio al 39° con Carretta che, su un assist di Infantino, sfrutta l’amnesia della difesa giallorossa e batte Perucchini.

Nel secondo tempo i giallorossi rientrano in campo col coltello tra i denti e pareggiano con Lepore al 61° su assist di Moscardelli, servito da Surraco. I padroni di casa prendono il sopravvento e potrebbero raddoppiare 4 minuti dopo con Moscardelli su punizione, ma Bifulco si esalta e salva la propria squadra. Subito dopo il numero 9 giallorosso lascia il posto a Curiale.

Il Lecce potrebbe raddoppiare ma Bifulco si salva miracolosamente proprio su Curiale e poi subisce il gol a tre minuti dal termine ad opera dell’ex De Rose. La difesa giallorossa ha ballato e il Matera non ha perdonato. Termina, con una grande delusione per i padroni di casa, dopo 5 minuti di recupero.

TABELLINO

LECCE – MATERA 1-2

LECCE (4-3-3): Perucchini; Alcibiade, Camisa, Legittimo, Liviero; Lepore, Papini, Salvi; Surraco (79° Vècsei), Moscardelli (66° Curiale), Doumbia (72° Caturano). A disposizione: Bleve, Beduschi, Lo Sicco, De Feudis, Carrozza, Sowe. Allenatore: Braglia

MATERA (4-5-1): Bifulco; Di Lorenzo, Ingrosso, Piccinni, Tomi; Rolando (79° Gammone), Iannini, De Rose, Armellino, Carretta (79° Casoli); Infantino. A disposizione: Biscarini, De Franco, Meola, Zaffagnini, Zanchi, Scognamillo, D’Angelo, Pagliarini, Albadoro. Allenatore: Aprile (Padalino squalificato)

ARBITRO: sig. Antonio Di Martino di Teramo

ASSISTENTI: sig. Lorenzo Abagnara di Nocera Inferiore e sig. Arcangelo Vingo di Pisa.

MARCATORI: 39° Carretta (M), 61° Lepore (L), 87° De Rose (M)

AMMONITI: 34° Camisa (L), 60° Di Lorenzo (M), 71° De Rose (M), 89° Alcibiade (L)

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*