Liste d’attesa per la tac, ispezione fiume della task force ministeriale

LECCE-Si sono trattenuti a lungo nell’ospedale Vito Fazzi gli ispettori della task force inviata dal Ministero della Salute per far luce sul caso della paziente oncologica a cui, il 22 febbraio scorso, l’esame di una Tac addominale è stato fissato nell’ottobre 2017.
Si sono presentati presso il Cup del nosocomio cittadino intorno alle ore 13. hanno verificato modalità e tempi di prenotazione. Poi, fino alle 17.30, hanno ascoltato i vertici del Fazzi, vale a dire il direttore medico Giampiero Frassanito, la sua vice Patrizia Ciminiello e il responsabile dei Cup aziendali, Giorgio Santoro, oltre che il direttore sanitario della Asl, Antonio Sanguedolce.

Un approfondimento sul caso specifico, ma con uno sguardo che necessariamente ha dovuto allargarsi al complesso dei tempi di attesa per gli esami diagnostici soprattutto al Fazzi. Sulla vicenda della paziente di Campi Salentina, intanto, indagano anche i carabinieri del Nas. 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*