Professione e deontologia: Psicologi di Puglia a confronto

BARI-  I vertici dell’ ordine degli psicologi di Puglia riuniti a Bari , nell’hotel Excelsior, nel convegno “La tutela del cittadino e gli atti dello psicologo”. Un momento di confronto nato dall’esigenza di dare risposte concrete alle tante domande che lo stesso Ordine riceve in merito all’esercizio della professione ed alle responsabilità che derivano dai rapporti con colleghi, altre categorie professionali, Enti e Istituzioni pubblici e privati.

Il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani si compine di diversi articoli, tra i più importanti, discussi nel convegno, la responsabilità dei propri atti professionali e delle loro conseguenze, le condizioni di lavoro che non devono compromettere la sua autonomia professionale, rispettando in pieno il codice, la salvaguardia dell’autonomia del professionista nella scelta dei metodi, delle tecniche e degli strumenti psicologici, nonché della loro utilizzazione. Nella collaborazione con professionisti di altre discipline esercita la piena autonomia professionale nel rispetto delle altrui competenze”.

Il Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Puglia Antonio Di Gioia ha ricordato inoltre che “è di esclusiva competenza dello psicologo, regolarmente iscritto all’Albo professionale, l’attività di prevenzione, di diagnosi, di attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico”. I casi abusivismo o di usurpazione del titolo devono essere segnalati al Consiglio dell’Ordine.

Tante i temi approfonditi durante il convegno, un’occasione per dare agli psicologi che operano sul territorio pugliese gli strumenti giusti per poter svolgere la propria attività professionale nel rispetto delle regole a favore dei cittadini utenti. Una cerimonia che ha visto la consegna degli attestati a tanti professionisti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*