Rapinatore inseguito e arrestato a pochi minuti dal colpo

NARDO’- È durata poco la fuga di Rodolfo LOTRIGLIA, 25enne di Nardò che ha tentato di far perdere le tracce dopo una rapina, alle 8,40 del mattino, in una stazione di servizio alla periferia del paese, sulla strada per Avetrana.  La polizia di Nardò insieme ai carabinieri di Gallipoli hanno circondato la zona e alla fine lo hanno catturato: si era nascosto in un casolare abbandonato. È stato preso, portato nel locale commissariato e ammanettato con l’accusa di rapina. Di prima mattina si è presentato incappucciato e armato di un grosso coltello da cucina nel distributore Tamoil, in via Magna Grecia. Ha minacciato di morte il titolare e gli ha strappato 740 euro. Poi, lasciando la vittima terrorizzata e in lacrime, è fuggito a piedi nelle campagne intorno.

Le pattuglie, appena scattato l’allarme, hanno cinturato la zona e alla fine sono arrivate a lui. È stato recuperato il coltello, di cui si era disfatto nella corsa, il passamontagna e le banconote, sparse per terra. Lui si era nascosto nella rimessa degli attrezzi agricoli.

Gli agenti sospettano che il 25enne abbia messo a segno altri colpi in passato, e che sia l’autore di rapine avvenute sempre a Nardò, addirittura nella stessa area di servizio. Dalla perquisizione in casa sono emersi elementi interessanti in questo senso .

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*