Lo Scirocco spazza il Salento, a Copertino danneggiata la statua della Madonna

COPERTINO- Maltempo e danni in Provincia di Lecce e Brindisi. Il forte vento che in questo ore soffia sul Salento ha provocato diversi disagi ma anche danni, proprio come successo a Copertino, dove ad aver la peggio è stata la statua della Madonna che sorge sul campanile della parrocchia del SS Rosario. Il braccio destro e parte del mantello sono andati praticamente in frantumi.

Sul posto, con due automezzi, sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno messo in sicurezza la zona e proceduto a rimuovere la statua del ‘600 per evitare altri danni. Ora chi di competenza cercherà di far tutto il necessario per riuscire a restaurarla.

Sempre a Copertino, nel quartiere Spallanzani, il vento ha buttato giù un palo dell’illuminazione pubblica, senza fortunatamente, arrecare danni a cose o persone. Stesso episodio su via Gallipoli, nei pressi di via Alceste Colitta, a Galatone. Sempre in zona, un semaforo è venuto giù, lungo la strada che conduce a Galatina.

Ieri invece, a Porto Cesareo, tra il mar  mosso e le onde si infrangevano sugli scogli, una tromba marina si è mostrata in cielo. Ad immortalare l’evento ci ha pensato Gianni Rizzello, postando la foto su Facebook:

tromba marina porto cesareo

Nottata di interventi anche nel Brindisino: a Fasano, il vento ha letteralmente sgretolato la facciata di una struttura di proprietà dell’Adriatica Legnami, mentre a Carovigno, ha buttato giù un balcone in via Benedetto Croce. Sulla strada statale 379 nei pressi della stazione di servizio Erg è caduto invece un palo della luce. Altri danni si sono registrati su altre zone della provincia dove sono  caduti alberi, insegne e cavi elettrici.

Ma non solo. Anche se gran parte delle serre sono andate distrutte.  “Pare passato un tornando nelle campagne – dice il Presidente di Coldiretti Brindisi, Sergio Botrugno – che ha letteralmente distrutto le serre e il vento di scirocco ha arrecato gravi danni agli ortaggi in pieno campo”. I tecnici di Coldiretti Brindisi stanno in queste ore verificando il numero di alberi e l’esatta entità del danno. “Il vento è stato così forte – racconta Floriana Fanizza, imprenditrice olivicola di Montalbano di Fasano – che i miei ulivi monumentali sono stati spezzati in due. Fortunatamente siamo a fine campagna, perché in caso contrario avremmo perso anche tutte le olive, spazzate via dalla burrasca”.

Il maltempo continuerà a insistere sul Salento ancora per un po’. Da domani sera ci dovrebbe esser già un piccolo miglioramento: il vento di Scirocco farà spazio alla Tramontana e le temperature torneranno a scendere. Ma nei prossimi giorni, il tempo resterà comunque variabile e soprattutto inaffidabile.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*