Ospedale Copertino, Valentino: “Dalla politica locale solo lacrime di coccodrillo”

COPERTINO- “Ma quante belle lacrime di coccodrillo stanno già invadendo la politica copertinese riguardo alla questione ospedale. È bastata una notizia ancora non certa, seppur abbastanza probabile, perché in tanti si scatenassero”. Così Mauro Valentino, Consigliere comunale MRS di Copertino.Da quanto tempo sapevamo che il nostro ospedale aveva un futuro sempre più incerto? Ricordiamo che era in via di ridimensionamento già dopo i tagli succedutisi tra il 2005 ed il 2010. Seguì un quinquennio in cui, per rimanere in tema, si tentò di “rianimarlo”, riaprendo qualche reparto seppur con una carenza cronica di personale sanitario. Infine, la condanna a morte venne da Roma, quando, tra la Finanziaria 2010 e le riforme dell’anno successivo, si condannò a morte non solo l’ospedale di Copertino ma tutti gli ospedali in condizioni similari. Dando anche un messaggio chiaro: un ospedale ogni 200mila abitanti, avrebbe dovuto essere la situazione finale. E dalla Asl dissero chiaramente che la maggior parte degli ospedali della Provincia di Lecce, tranne il Fazzi ed un paio d’altri, erano destinati alla “chiusura”, prima o poi.

Ed ora che il governo Renzi, con i suoi tagli alle Regioni, ha dato il colpo di grazia, con chi ce la vorremmo prendere? Con l’attuale amministrazione comunale? Con qualche Assessore? O con quel PD che gestisce la sanità pugliese da 11 anni? Ma in particolare – conclude il consigliere-  ci domandiamo dov’erano coloro che oggi parlano quando accadevano le cose su elencate? Semplice, molti di coloro che oggi parlano fingendo di strapparsi le vesti, ieri sostenevano proprio chi affossava il nosocomio copertinese, mentre oggi  sono pronti a fare  speculazione politica sul tema…Tutti “uniti” per salvare il “Nostro” nosocomio, certo!! Ma è anche opportuno ricordare a chi fa orecchie da mercante, che due piedi in una scarpa non ci possono stare!”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*