Multe fantasma, Lupiae “scarica” la colpa sui vigili

LECCE- Approda in Commissione controllo la vicenda delle multe fantasma, notificate in maniera errata nel 2013, facendo perdere così circa 350mila euro al Comune di Lecce.
“E’ incredibile quanto abbiamo appreso oggi – spiega il consigliere comunale Udc Luigi Melica – perché il problema era noto dal 2014, il sindaco era informato addirittura dal mese di marzo 2014 e, nonostante le richieste della Lupiae di incontrare la dirigenza dei vigili urbani per capire quali fossero i casi problematici, da quanto appreso dalla  dottoressa Turi, il comandate dei vigili non ha mai accettato di incontrarla”.

Dunque, uno scaricabarile dalla partecipata di Palazzo Carafa alla Polizia municipale. La presidente della Lupiae ha mostrato alla commissione la documentazione dalla quale si evince che, sin dal suo insediamento, aveva chiesto un incontro al comandante Zacheo per verificare insieme le modalità più efficaci per operare le notifiche. Non ci sarebbe stata alcuna risposta.

Di recente, poi, quando il  comando dei vigili ha informato la Lupiae che per colpa dei messi notificatori si sarebbe prodotto un danno ingente, “lo stesso comando – ricostruisce Melica – non ha mai specificato alla Lupiae i casi problematici; non ha documentato alla Lupiae le notifiche presuntivatamente illegittime e pertanto la Lupiae non ha potuto operare i controlli di rito.  Solo oggi lo può fare, da quando l’elenco è stato pubblicato sul sito del Comune”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*