Il Lecce pareggia a Caserta, allunga la striscia positiva e rimane a ridosso della vetta

CASERTA (di M.Cassone) – Casertana e Lecce si affrontano dopo aver assistito a Foggia-Benevento, giocata nel pomeriggio e terminata in parità, fattore importante a livello psicologico per entrambe le compagini. Si gioca allo Stadio “Albero Pinto” di Caserta. La gara valida per la 20^ giornata del Girone C di Lega Pro è arbitrata dal sig. Paolini di Ascoli Piceno, coadiuvato dai signori Orlando e Meozzi di Empoli. Termina in pareggio, dopo una partita equilibrata che però ai punti avrebbe sicuramente vinto il Lecce, che dopo un primo tempo sufficiente, nel quale passa in svantaggio con il gol di De Angelis, nel secondo tempo gioca meglio, pareggia con Surraco ma non riesce a trovare la zampata giusta per portare a casa l’intera posta. Continua però la striscia positiva

In settimana il Prefetto aveva vietato la vendita di biglietti a tutti i tifosi leccesi residenti in Puglia, e successivamente il GOS aveva predisposto la chiusura del settore ospiti del “Pinto” ma questo non ha scoraggiato i tifosi del Lecce residenti fuori dalla Puglia; arrivati a Caserta, una volta nello stadio, sono riusciti a vincere la loro piccola battaglia e il settore ospiti è stato riaperto.

Romaniello schiera i suoi con il 3-5-2: Gragnaniello; Idda, Murolo, Rainone; Mangiacasale, Mancosu, Capodaglio, Matute, Tito; Jefferson, De Angelis

Braglia fa partire dalla panchina Caturano e oppone ai falchetti un 3-4-3 con Perucchini; Freddi, Cosenza, Abruzzese; Lepore, Salvi, Papini, Legittimo; Doumbia, Moscardelli, Surraco.

La partita è vibrante già dai primi giri di orologio. Dopo dodici minuti, i padroni di casa, passano in vantaggio grazie ad uno spunto di Jefferson che dribbla Cosenza, lo supera, entra in area e cede la sfera a De Angelis che non sbaglia e gonfia la rete. Il Lecce potrebbe pareggiare al 42° ma il colpo di testa di Cosenza e deviato in angolo da Gragnaniello. Sugli sviluppi del corner nasce il contropiede dei falchetti che potrebbero raddoppiare con Marano ma il suo diagonale si stampa sul palo.

Nella ripresa i giallorossi partono col piede pigiato sull’acceleratore e prendono le redini della gara in mano. Bloccano le fonti del gioco rossoblù e in modo aggressivo propongono le proprie idee. Al 59° arriva il gol con Surraco che gioca la sfera, stoppata di petto da Moscardelli su servizio di Lepore, e batte Gragnaniello. Dopo il pareggio si infortuna il guardalinee Meozzi e la gara viene fermata per circa 10 minuti, nonostante le cure dello staff medico rossoblù, è costretto ad uscire e l’arbitro schiera come collaboratori Di Gaetano, secondo di Romaniello da una parte, e Isetto il secondo di Braglia dall’altra.

Tanta confusione in campo, il Lecce capisce di potercela fare ma la Casertana non ci sta; al 75° Alfageme prende il posto di De Angelis per cercare di tenere di più il pallone.

Al minuto 82 Braglia gioca la carta Caturano. Al 91° la palla per il raddoppio rossoblù capita a Marano che in tuffo di testa su servizio di Mancosu spedisce di poco a lato. Poi entrano Giannone al posto di Mangiacasale nella Casertana e Sowe nel Lecce al posto di Doumbia e Lo Sicco al posto di Surraco, nulla però succede più e termina dopo 102 minuti sul risultato di 1-1.

TABELLINO

CASERTANA – LECCE 1-1

CASERTANA (3-5-2): Gragnaniello; Idda, Murolo, Rainone; Mangiacasale (92° Giannone), Mancosu, Capodaglio (23° Marano), Matute, Tito; Jefferson, De Angelis (75°Alfageme). A disp.: Maiellaro, Potenza, Bonifazi, Finizio, Pezzella, Varsi, De Marco, Negro, De Filippo. Allenatore: Nicola Romaniello

LECCE (3-4-3): Perucchini; Freddi, Cosenza, Abruzzese; Lepore, Salvi, Papini, Legittimo; Doumbia (99°Sowe), Moscardelli (82° Caturano), Surraco (102° Lo Sicco). A disp: Bleve, Liviero, Camisa, De Feudis, Vecsei, Curiale, Beduschi. Allenatore: Piero Braglia

ARBITRO: sig. Edoardo Paolini di Ascoli Piceno

ASSISTENTI: sig. Vincenzo Orlando e sig. Lorenzo Meozzi di Empoli

MARCATORI: 12° De Angelis (C ), 59° Surraco (L)

AMMONITI: 27° Murolo (C ), 51° Lepore (L), 84° Idda (C )

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*