Ciclista ucciso, l’amico: “Voleva ucciderci, ci è venuto addosso di proposito”

LECCE-  Piange il suo amico nel letto di casa Ugo Romano, sopravvissuto per miracolo alla tragedia avvenuta venerdì pomeriggio in via Monticelli a Casalabate. Sul corpo i segni di quel pomeriggio di follia, nella testa tanta rabbia per un gesto assolutamente inspiegabile. E questo tiene a ribadirlo: “nessun litigio con l’assassino, nessuna parola grossa. Ci è venuto addosso volontariamente incrociando la nostra traiettoria”.

Andrea Taurino , 34 anni di Trepuzzi, aveva assunto sostanze stupefacenti. Lo hanno confermato le analisi. Dopo aver travolto i due ciclisti con la fiat 500 non si è neanche fermato. Risponde di omicidio volontario.

Lunedì intanto sarà eseguita l’autopsia sul corpo di Franco Amati, 67 anni, vittima di questa incredibile storia. Era amato da tutti, appassionato corridore, davanti tanti progetti.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*