Lo Stato si riprende 3 milioni di beni: confisca definitiva a “patrimonio mafioso”

CASARANO- Il decreto di confisca è irrevocabile: la Direzione Investigativa Antimafia di Lecce prende e mette nelle mani dello Stato edifici e terreni riconducibili ad un uomo già condannato per associazione a delinquere e traffico di sostanze stupefacenti.
I beni in questione valgono 3 milioni di Euro e si trovano tutti nel Comune di  Casarano: si tratta di case e terreni  riconducibili a Franco Miggiano, 69enne leccese da tempo domiciliato a Casarano, e conosciuto, appunto, come “il leccese„. Il provvedimento di confisca segue il decreto di sequestro emesso dal Tribunale di Lecce, in accoglimento della proposta di misura di prevenzione patrimoniale avanzata dal Direttore della D.I.A., a conclusione di articolate indagini patrimoniali, che hanno consentito di accertare „una manifesta sproporzione tra gli esigui redditi dichiarati dal nucleo familiare del Miggiano e gli ingenti possedimenti a lui riconducibili -di cui il Miggiano ha la disponibilità e che sono intestati alla moglie-.

Il patrimonio confiscato è costituito da ventotto immobili, tutti ubicati nel comune di Casarano:
– un complesso immobiliare interamente recintato, su cui insistono diciannove edifici per complessivi 2.000 metri quadrati di copertura, esteso su terreni per una superficie totale di circa 20.000 metri quadrati, tutelato attraverso un doppio cancello di ingresso e telecamere di sorveglianza poste lungo tutto il perimetro;
– tre abitazioni private, che si trovano nel centro storico casaranese;
– sei terreni agricoli.

Miggiano fu arrestato nel 1999, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, scaturita dall’operazione di polizia “Viribus Unitis”, perché indagato “per avere fatto parte della sacra corona unita e per aver illecitamente acquistato, trasportato, detenuto, ceduto a terzi sostanze stupefacenti del tipo eroina, cocaina, hashish e marijuana”.  Il processo si è concluso con la condanna ad otto anni di reclusione per violazione della legge sulle sostanze stupefacenti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*