Morì a 4 anni, a processo i genitori: il bimbo era curato con omeopatia e malnutrito

TRICASE- Il 24 febbraio prossimo, si aprirà il processo per i genitori del piccolo Luca Monsellato, il bimbo di quattro anni di Miggiano morto nell’ottobre 2011 nell’ospedale Panico di Tricase. Il gup Vincenzo Brancato ha rinviato a giudizio il padre Marcello, medico, e la moglie Giovanna Pantaleo. Rispondono di omicidio colposo causato da omissione di cure.

Per tre medici del nosocomio tricasino era già stata disposta l’archiviazione, dopo il responso dell’autopsia che stabilì che a causare la morte del piccolo era stata una “polmonite interstiziale e batterica, complicata ulteriormente da un’infezione da miceti patogeni”, patologia aggravata dalla malnutrizione. Il bimbo, sarebbe stato curato solo con medicinali omeopatici e non sarebbe mai stato sottoposto a visite specialistiche.

Il pm Alberto Santacatterina aveva chiesto l’archiviazione anche per i coniugi Monsellato, richiesta rigettata dal gip Alcide Maritati.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*