Bufera nell’atletica azzurra, l’antidoping chiede 26 squalifiche: c’è anche il salentino Daniele Greco

GALATONE- C’è anche Daniele Greco, l’atleta di Galatone, tra i 26 azzurri coinvolti in quello che è stato definito “il più grave scandalo di doping nella storia dell’atletica italiana”. Classe 1989, specializzato nel salto triplo, disciplina di cui è campione europeo indoor in carica, avrebbe anche lui eluso dei controlli antidoping ed è tra i big deferiti dall’Ufficio di procura della Nado Italia, che ha chiesto 2 anni di squalifica. Greco rischia, dunque, un lungo stop e di saltare i Giochi di Rio2016.
Sono 65 in tutto i nomi coinvolti nell’indagine, ma per 39 è stata chiesta l’archiviazione. Tra questi ultimi, però, non c’è l’atleta salentino. Non può parlare, Daniele, è poliziotto, fa parte del gruppo sportivo delle Fiamme Oro. Ha bisogno di un permesso per poterlo fare, per poter chiarire la sua posizione.

I provvedimenti sono stati decisi in seguito agli sviluppi dell’indagine ‘Olimpia’ condotta dai Nas-Ros dei carabinieri di Trento, su mandato della procura di Bolzano. L’inchiesta è coordinata dal procuratore Guido Rispoli e condotta dal pm Giancarlo Bramante. Nasce dopo il riscontro della positività al doping del marciatore Alex Schwazer, nel luglio 2012, ciò che ha poi portato alla sua squalifica complessiva per tre anni e nove mesi. Dal luglio 2014, tutti i fascicoli sono passati alla Procura antidoping che ha quindi svolto propri accertamenti e tenuto gli interrogatori degli azzurri a partire da gennaio. Ora le due sezione del Tribunale nazionale antidoping dovranno valutare le varie posizioni, probabilmente in un maxi-processo nel Foro Italico.

Tra i nomi emersi, si diceva, ci sono i migliori atleti italiani degli ultimi dieci anni: oltre al salentino Greco, anche Daniele Meucci (campione europeo in carica di maratona), Giuseppe Gibilisco ( salta con l’asta, campione del mondo nel 2003), Andrew Howe (salto in lungo, argento mondiale nel 2005), Fabrizio Donato (salto triplo, bronzo a Londra 2012).

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*