Allarmanti dati su povertà minorile. Speranze in mano ai “baby” amministratori

LECCE- Si chiama “Bambini senza” l’atlante dell’infanzia (a rischio) sulle povertà minorili pubblicato da Save the children. Alla vigilia della giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, vengono snocciolati dati non confortanti. In Puglia la percentuale di minori in condizione di povertà relativa è del 27%. Tanto, se si pensa che la media nazionale è del 19%.
Basse le risorse stanziate per l’infanzia: a Lecce la media è del 54%, a Taranto del 63 e a Brindisi del 73. E ancora: il servizio mensa è presente solo nella metà delle scuole di Puglia ed è il dato più grave a livello nazionale.

C’è tanto da fare e le speranze, ora più che mai, sono riposte nei baby amministratori. Hanno indossato con orgoglio ed entusiasmo la fascia tricolore nel settimo raduno provinciale dei consigli comunali dei ragazzi, che si è svolto nell’aula consiliare di Palazzo dei Celestini, sede della Provincia di Lecce.

Oltre 60 sindaci dei ragazzi sono stati accolti dal prefetto Palomba, dal presidente Gabellone e dalla presidente del comitato provinciale Unicef Giovanna Perrella. Perché durante il raduno è stato conferito il titolo di “Città amica dei bambini” ai comuni che hanno sottoscritto il protocollo d’intesa con Unicef e raggiunto gli obiettivi prefissati. Loro, i piccoli, le idee le hanno chiarissime…

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*