Accusato di palpeggiare le sue inquiline, arrestato imprenditore di Galatina

GALATINA-  Gesti veloci con l’uso della forza: baci estorti e palpeggiamenti alle giovani inquiline dei suoi appartamenti. Con queste accuse è stato arrestato dalla Polizia Giudiziaria un imprenditore di Galatina, Mario Giurgola, 59 anni.
I fatti si sarebbero verificati esattamente un anno fa, a Lecce. Sono due gli episodi contestati: in un caso, mentre si intratteneva per strada, a parlare dell’affitto con una sua inquilina, avrebbe chiesto alla donna di baciarlo sulle labbra, avvicinando il suo volto a quello della vittima e, contemporaneamente, con un’azione repentina, avrebbe “allungato la mano” sul fianco della donna e poi su, fino a toccarle il seno.

Nel secondo caso, durante un incontro all’ingresso dell’appartamento affittato, incontro ottenuto col pretesto di risolvere alcuni problemi relativi al rapporto contrattuale, l‘uomo si sarebbe avvicinato alla donna e, dopo averla afferrata per i fianchi, nonostante le resistenze della vittima che aveva cercato di allontanarlo, le avrebbe toccato il seno. Le due giovani vittime hanno querelato l’uomo, innescando le indagini della Procura, condotte dai poliziotti della Sezione di Polizia Giudiziaria che, con l’ascolto di diverse persone informate sui fatti, hanno acquisito “numerosi elementi di riscontro a quanto denunciato”.

Gli agenti hanno arrestato l’uomo, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione della misura dei domiciliari, emessa dal GIP PANZERA, su richiesta del P.M. VALLEFUOCO. Il reato contestato è “violenza sessuale”, che si configura anche quando, tra soggetto attivo e passivo del reato, c’è un contatto corporeo -anche fugace ed estemporaneo- contro la volontà della vittima.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*