Approvato l’emendamento anti-speculazione sui suoli colpiti da Xylella

LECCE-  La Commissione Agricoltura del Consiglio regionale della Puglia ha approvato definitivamente l’emendamento anti-speculazione presentato dal consigliere Sergio Blasi alla Legge regionale 41/2014.
L’emendamento riscrive il testo del primo articolo della Legge, in particolare “la destinazione d’uso dei terreni potrà cambiare soli in casi particolari: non possono cambiare per 15 anni la tipizzazione urbanistica vigente al momento dell’espianto, salvo che per la realizzazione di opere pubbliche prive di alternativa localizzativa e necessarie alla salvaguardia della pubblica incolumità e dell’ambiente.

Dopo il passaggio in Consiglio regionale di questo emendamento, non sarà consentito a nessuno di speculare sulla tragedia della Xylella – dichiara Blasi. Mettere nero su bianco il divieto di cambiare la destinazione d’uso di quei suoli significa affrontare la gravità della situazione con il fermo obiettivo di continuare a puntare sullo sviluppo agricolo e paesaggistico del Salento e della Puglia.

La prossima battaglia da vincere è quella sulla rimozione del divieto di reimpianto degli ulivi, imposto dall’Unione Europea e contestato dagli olivicoltori salentini.

Sul modo in cui si sta affrontando l’emergenza, – ha dichiarato il consigliere – per fermare il Co.di.r.o. bisogna concentrare gli sforzi sulla ricerca: non abbiamo altra arma che il sapere scientifico. Tutto il resto, comprese le eradicazioni, sono misure dal fiato corto, tese a contenere – con scarsi risultati – il propagarsi della malattia, ma non a fermarla”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*