Guide turistiche, Liviano: “L’intervento è necessario e urgente”

LECCE- La Regione Puglia non ha mai bandito un concorso per l’abilitazione delle guide turistiche. Sono migliaia quelle pugliesi, di tutte le Province, che pur avendo studiato, ed essendo preparate, non possono esercitare. Violerebbero cioè la legge regionale n. 13 del 2012 che ha regolarizzato l’attività con una sorta di sanatoria a vantaggio di chi aveva esercitato per un certo numero di ore. Accade quindi che a trarne vantaggio sono state le guide che già lavoravano e si sono viste riconosciute 100 ore di esperienza sul campo.

Un problema che secondo l’assessore regionale al turismo Gianni Liviano, va risolto subito e con urgenza.  Perché le nuove leve, che invece dovrebbero abilitarsi esclusivamente attraverso un concorso, non possono farlo perché la regione puglia non lo ha mai bandito.

Il grido di rabbia delle aspiranti guide turistiche si è sollevato in questi giorni, quando a Lecce, elenchi provinciali alla mano, i vigili urbani hanno fermato e controllato le guide dei gruppi turistici in visita in città. Per chi non rientra nell’elenco, scatta la multa, e anche salata: mille euro, come è accaduto. Con il riordino delle Provincie, dice Liviano, esse hanno un ruolo fondamentale e solo di concerto con loro si può procedere ad un concorso.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*