“Il Salento non può più permettersi di esser sporco e degradato”, l’allarme a dilloatelerama@gmail.com

LECCE- “Seguo i vostri TG, i vostri programmi, l’anteprima del TG e gli editoriali del vostro direttore avrei voluto telefonargli ma ho preferito scrivere per non dilungarmi in diretta” così un nostro telespettatore che ama il Salento ma non la cura con cui spesso viene governato.
Il nostro Territorio, per il nome che si è fatto, non può permettersi più di esser governato senza passione ed impegno. In molte strade della provincia di lecce erbacce e rifiuti così come in prossimità dei tanti rondò ma perché se è vero che non ci sono più risorse economiche non si utilizzano, come avviene in altre parti d’Italia profughi o detenuti che hanno sulle spalle pochi mesi di pena? D’estate faccio il pendolare tra le varie marine di Melendugno, Porto Cesareo e Nardò notando improvvisazione e non programmazione. Spiagge libere sporche, cestini per i rifiuti assenti e pinete abbandonate.

Ma la sera non è cosa diversa e parlando con turisti del Nord mi è stato ribadito il tutto: Avete bei posti, bel mare ma tanta sporcizia…infatti andando in molti comuni della provincia e superando i centri storici perfettamente basolati le altre strade sono percorsi di guerra sporchi e non curati. Nei comuni salentini discutibile anche la segnaletica per non parlare del volantinaggio selvaggio e delle affissioni non regolamentate e forse non regolarmente garantire.

“Caro Direttore, Per ciò che ho lamentato” conclude il nostro telespettatore ” non occorrerebbe la bacchetta magica ma, semplicemente , impegno e passione da parte dei nostri amministratori perché , oramai, non possiamo più permetterci tutto ciò, con stima vi auguro buon lavoro”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*