Appello per sostenere un senzatetto con un trattamento sanitario e una casa

MELENDUGNO- Sta facendo il giro del web, dopo la segnalazione di un cittadino, la storia di un uomo di Melendugno che, dopo una serie di vicissitudini lavorative e personali, ha perso tutto. L’uomo in questione, sottratto a un casolare di campagna in cui aveva trovato riparo, ha trovato una casa grazie all’intervento della chiesa ed anche con un contributo del Comune, ma ora non ha più neanche quel rifugio.
“Ha problemi di alcolismo” ci raccontano in paese (e per ragioni di privacy non mostriamo il suo volto), ma è partita la campagna di solidarietà per prestargli aiuto.

“La vera emergenza -spiega il parroco- è SANITARIA: aiutarlo non significa semplicemente trovargli un alloggio, cosa che asseconderebbe, come di fatto ha assecondato, la sua dipendenza dall’alcool, ma CONVINCERLO a entrare in una comunità terapeutica per intraprendere un efficace percorso di disintossicazione. In questi dieci mesi i Servizi sociali del Comune, il SERT di Martano e la Parrocchia di Melendugno non sono riusciti a CONVINCERLO: aiutateci a CONVINCERLO a entrare in una comunità terapeutica prima che le sue condizioni di salute si aggravino“.

Dai cittadini che hanno a cuore le sorti di quest’uomo, in primis il signor Donato Santoro che ha reso pubblica la vicenda, l’appello è a non abbandonarlo nè emarginarlo “Perché rischia di morire solo e all’addiaccio” spiegano. “Si facesse tutto ciò che si può per supportarlo in questo difficile percorso, sottoponendolo ai necessari trattamenti ed offrendogli una casa”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*